Le riforme britanniche sul risarcimento del colpo di frusta ridurranno le spese legali

Tempo di lettura: 4 minuti

Notizie e blog Notizie Le riforme britanniche sul risarcimento del colpo di frusta ridurranno le spese legali

Le riforme britanniche sul risarcimento del colpo di frusta ridurranno le spese legali

Tempo di lettura:4 minuti

Oggi nel Regno Unito le richieste di risarcimento per lesioni personali di valore non superiore a 1.000 sterline sono soggette al procedimento applicabile alle controversie di modesta entità. Da aprile del 2019 il tetto salirà a 5.000 sterline. L’impatto sui sinistri RC auto sarà importante, in quanto il provvedimento è destinato a ridurre le spese legali per gli assicuratori.

Le proposte di riforma in materia di risarcimento dei danni per colpo di frusta dovevano essere introdotte nel Regno Unito a ottobre di quest’anno, ma hanno subito uno slittamento. Il varo è ora previsto per aprile del 2019, così ha annunciato la settimana scorsa il Governo.

Il ministero della Giustizia ha indicato il calendario delle riforme nel corso di una riunione tenutasi con le associazioni degli avvocati delle vittime di incidenti stradali e la Law Society (l’ordine degli avvocati). Si può pertanto ipotizzare che presto assisteremo alla pubblicazione del Civil Liability Bill (il disegno di legge in materia di responsabilità civile).

Richieste di risarcimento per colpo di frusta: riduzione degli indennizzi e delle spese legali

Con il sistema attuale, le richieste di indennizzo per microlesioni di valore inferiore alle 1.000 sterline sono soggette al procedimento per le controversie di modesta entità (il cosiddetto “Small Claims Track”). In questo tipo di procedimento le spese legali rimborsabili sono molto modeste. Uno degli aspetti centrali delle riforme consisterà nell’innalzare a 5.000 sterline il limite entro il quale le richieste di risarcimento per lesioni personali sono soggette al rito dello Small Claims Track. Ciò avrà effetti positivi sulla stragrande maggioranza dei sinistri RC auto, abbattendo le spese legali rifuse dagli assicuratori.

Ci si aspetta inoltre che le riforme introducano un sistema tariffario per le lesioni con prognosi fino a due anni. Questo ridurrà notevolmente le liquidazioni rispetto ai valori medi attualmente versati e rispetto alle tabelle contenute nelle Judicial College Guidelines: dell’85% circa nel caso di risarcimenti per danni più lievi e del 15% per lesioni con prognosi a 24 mesi.

Un’altra misura proposta riguarda il divieto di formulare offerte di liquidazione in assenza di documentazione medica attestante il danno da colpo di frusta. L’offerta di liquidazione ante accertamento medico è uno strumento a cui ricorrono taluni assicuratori per cercare di ridurre la spesa complessiva di indennizzo e gli oneri legali connessi ad alcune pratiche di sinistro.

Inevitabile sarà l’opposizione dei gruppi di difesa delle vittime di sinistri stradali. Se finora la vicenda Brexit ha monopolizzato il calendario parlamentare facendo slittare le riforme, l’annuncio del ministero della Giustizia fa ben sperare nell’impegno del governo a far avanzare questo fascicolo.

Share This